martedì 19 aprile 2011

BARCELLONA - 4' GIORNO (e fine del viaggio!!!)

La mattina del quarto giorno ci alziamo un tantino più tristi del solito...è il nostro ultimo giorno di vacanza in questa splendida città che tanto ci è piaciuta!!
Ma non ci facciamo certo demoralizzare...in fondo sono solo due ore di volo, potremo sicuramente tornare ancora!!!
Quindi prepariamo le nostra valigie, buttando dentro le ultime cose e sistemando con cura gli acquisti fatti: una maglietta per marco, alcune per i nostri amici e parenti, una calamita da attaccare al nostro frigo di casa, un paio di cartoline, e una quantità esorbitante di bigliettini da visita, scontrini, depliants delle varie attrazioni viste...insomma dobbiamo trovare un bel po' di posto a tutta queste cose.
Lasciamo i bagagli alla receptions dopo aver saldato il nostro conto e usciamo.
Fuori c'è un sole caldissimo e il cielo è terso e turchese...sembra una giornata d'estate!
Abbondante colazione in un bar lungo la strada, ci sediamo ai tavolini esterni mentre gustiamo le nostre brioches e il nostro the caldo (in questo siamo molto inglesi).
Decidiamo di fare un ultimo giro lungo la Ramblas e di procedere in direzione dei Jardines de la Ciutadella, il tempo è ideale per passeggiare nel parco.

Lungo la Ramblas decidiamo di svoltare in Carre de Ferran, vogliamo raggiungere la Cattedrale de Santa Maria del Mar.
Per chi come me ha letto il romanzo "La cattedrale del mare" di Idelfonso Falcones la riconoscerà subito a prima vista, qui infatti vennero ambientati i fatti e la storia di Arnau, giovane figlio di un fuggiasco che partecipa alla costruzione della cattedrale passando da servo della gleba, a scaricatore di porto, a trasportatore di pietre fino a diventare signore e banchiere, attraverso mille vicissitudini e peripezie.
L'aspetto è tipicamente gotico, la facciata è chiusa tra due colonne ottagonali, al momento della nostra visita avvolte dalle impalcature dei lavori in corso, al centro un grande rosone.
I lavori per la costruzione iniziarono nel 1329, ma cosa interessante è che le spese per la realizzazione e per l'acquisto dei materiali necessari furono sostenuti dai fedeli alla parrocchia, tutta la popolazione del quartiere partecipò, soprattuto i bastoixos, ovvero gli scaricatori di porto, che trasportarono le pietre sulle loro spalle direttamente dalla collina fino al luogo designato alla costruzione della cattedrale (proprio come descritto nel libro).
All'inteno si distinguono tre navate, gli spazi sono molto aperti e i soffitti alti, dalle varie finestre e rosoni entra una luce chiara e colorata, la sensazione è di larghezza, profondità e altezza, nonostante sia una chiesa gotica l'interno è luminoso.
Facciamo un giro parlando sottovoce per rispettare la sacralità del luogo.



























Proseguiamo il nostro percorso, il tempo che ci rimane prima della partenza è ormai poco, appena un paio d'ore.
Ci dirigiamo verso i Jardines de la Ciutadella, con l'intenzione di fare una bella passeggiata in quello che viene considerato il polmone verde della città.
In effetti il verde non manca, i viali sono alberati ed è piacevole passeggiare all'ombra, le aiuole sono curate e ricche di fiori colorati, l'erba dei prati perfettamente tagliata a dovere, tutto molto bucolico.
Per chi, diversamente da noi, avesse tempo si possono visitare il Museo di Zoologia e il Parco Zoologico, il Museo di Geologia e la Serra,  qui si trova anche la sede attuale del Parlamento di Catalogna.
Ci sediamo su di una panchina all'ombra di un grande albero a riposarci un po', a guardare la gente che passa, ad assaporare questo anticipo di primavera (considerando che al tempo della nostra visita eravamo a fine dicembre), a lasciare che il tempo passi lentamente almeno per una volta in questa breve e concitata vacanza.

Ecco il tempo a nostra disposizione è finito, abbiamo ancora poco più di un oretta, e considerando che vogliamo ritornare a piedi in hotel a prendere le valigie per poi andare alla stazione dei bus è meglio partire...non prima di aver però fato un paio di foto alla Cascada, la fontana del parco, in ricco stile barocco a cui collaborò per la sua realizzazione anche un giovane Gaudì...potevamo lasciare Barcellona senza aver visto per l'ultima volta una sua opera? Certo che no!!




Questo il breve percorso del nostro 4' giorno.
Torniamo all'hotel, prendiamo i nostri bagagli, ci dirigiamo a piedi alla stazione dei pulman, un'ora abbondante di viaggio in bus, l'attesa di un'altra ora in aereoporto e saliamo sull'aereo che di riporterà a casa-
Fine di questo bellissimo viaggio che rimarrà nei nostri ricordi con l'allegria di questa città, con i colori e la fantasia del genio di Gaudì, con il vociare chiassoso della Rambla a qualsiasi ora del giorno, con la cordialità dei barcellonesi e la buona cucina assaggiata nei vari locali...questa matta città di mare e cultura che è Barcellona!!!


Voglio concludere questo mio diario di viaggio su Barcellona regalandovi una ricettina..molto spagnola!!!
La ricetta io l'ho trovata sulla guida che ci ha accompagnato in questo viaggio, l'ho provata e sperimentata di persona e devo dire che il risultato è stato buono, anche se la preparazione è un tantino laboriosa e lunga...ne vale comunque la pena per una serata da trascorrere in compagnia di buoni amici!!!
La foto è quella della paella originale che noi abbiamo mangiato a Barcellona al ristorante "Toc de Mar"

Paella mixta (di carne e pesce)

Ingredienti per 4/5 persone

- 600 gr. di riso
- 200 gr. di salsiccia
- 200 gr. di gamberi
- 200 gr. di cozze sgusciate
- 100 gr. di piselli
- 10 gr. di peperoncino
- 1 pollo
- 2 peperoni
- 4 pomodori
- 1 cipolla
- 3 spicchi d'aglio
- olio d'oliva
- sale, pepe
- 1 bicchiere di vino bianco
- 1 litro di brodo vegetale

Tagliate finemente la cipolla e rosolatela nell'olio caldo, aggiungete i pomodori tagliati a pezzetti, i peperoni tagliati a listarelle e i piselli (io ho usato quelli surgelati), spolverizzate con il sale e li peperoncino, lasciando cuocere il tutto per circa 10 minuti mescolando ogni tanto.
Nel frattempo a parte cuocete la salsiccia tagliata a pezzi assiema al pollo anch'esso pulito e diviso in pezzi (io per praticità ho acquistato gia pulite e divise coscie, ali e un petto) con una spiccio d'aglio, olio, sale e peperoncino per circa altri 10 minuti (io ho aggiunto anche 1/2 bicchiere di vino bianco).
In una pentola larga fate aprire le cozze precedentemente pulite e lavate, cuocendole con il bicchiere di vino, un filo d'olio, sale, pepe e una spicchio d'aglio. Una volta aperte sgusciatele quasi tutte, tenendone da parte una ciotola da usare per la guarnizione.
In una capiente padella cuocete i gamberi con un filo d'olio, sale e peperoncino. Se volete a fine cottura potete sgusciarne una buona parte e lasciare interi il resto per guarnizione, oppure se preferite lasciarli tutti interi e spellarli finchè mangerete il riso (io ho preferito sbucciarne una parte)
Nella pentola antiaderente che userete per portare in tavola la paella fate tostare il riso con olio e lo spicchio d'aglio, aggiungete tanto brodo caldo per almeno il doppio del volume del riso e lasciate cuocere per almeno cinque minuti (io personalmente ho aggiunto anche una bustina di zafferano in polvere per conferirgli quel colore giallo brillante e quel gusto un po' speziato..si addice secondo me), mescolando aggiungete poi tutti gli ingredienti precedentemente cotti lasciando proseguire la cottura per almeno 15 minuti, finchè il brodo non si sarà asciugato del tutto (se a differenza il riso non risulta ancora cotto aggiungete altro brodo caldo e lasciate cuocere ancora un po', assaggiando per verificarne la cottura).
Prima di portare in tavola decorate con il pesce tenuto da parte, e striscioline di peperoni.
Magari accompagnate il tutto con un bel bicchiere di sangria!!!
Buon appetito a tutti..... 



Un'ultimo consiglio...visitate il blog di Tiziana "4 passi per il mondo" , è una cara amica e anche qui trovere notizie, curiosità e foto strepitose e molto personali sulla città di Barcellona....buon viaggio a tutti.

22 commenti:

  1. Ciao Ila, sono passato per un saluto, beerò alla tua salute un buon bicchiere di sangria!!! io lo trovo anche qui da noi in un negozio gestito da spagnoli. Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. aaaaaaaaaaaaaaaahhhhh birbantella mi hai reso la pariglia vedo.
    Inutile dire che il tuo ultimo post su questa città è notevole. Addirittura la ricetta della paella...sei fantastica. Non potevi concludere il viaggio in maniera migliore, e la sangria direi che è la morte sua. Brava-brava. Ciao tesoro

    RispondiElimina
  3. Ma che bei resoconti dettagliati :D me li sono persi tutti, ma ora ho recuperato!!YUPPIEEE :D cmq..io adoro Barcellona e ora ho pure voglia di Paella :D

    RispondiElimina
  4. io la Cattedrale l'ho vista di sera. Le luci arancio sulla facciata la rendevano misteriosamente affascinante!

    RispondiElimina
  5. @ Tomaso: cin cin alla tua!!! ma che fortuna avere un negozio gestito da spagnoli vicino a casa!!! Grazie della visita...

    @ Tiziana: ricambiare la tua cortesia era il minimo!!! Hai visto che gustosa ricettina ti ho sfoggiato??? Sappi che nel tempo/libero sono una cuoca provetta e mi diletto con vari esperimenti...!!! :) ciao a presto..

    @ Dreamy: che bello risentirti!! Potresti proporre una buona paella hai tuoi amici di Tallin...sai che sorpresa!!!

    @ Turistadimestiere: penso che aver visto la Cattedrale di sera sia stata una cosa strepitosa, già di giorno è avvolta da un alone misterioso...non oso immaginare con il buio!!
    Ciao a presto...

    RispondiElimina
  6. Belle bellissime foto! Quanto ti ringrazio per averle condivise... un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Ciao Marifra79...grazie per essere passata di qua...e figurati è un piacere condividere le belle esperienze con voi tutti...ciao a presto!!

    RispondiElimina
  8. ciao complimenti per il blog è veramente carino... a Barcellona ci sono stato 5 anni fà fantastica

    a presto

    RispondiElimina
  9. Ciao Angelo e grazie della visita..concordo con te...Barcellona è veramente fantastica!!!

    RispondiElimina
  10. barcellona ci sono stata già tre volte ma è una città unica che ti cattura e mi piace sempre!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Lucy, mi fa piacere sia piaciuta tanto anche a te Barcellona...è impossibile rimanerle indifferenti...ciao ciao

    RispondiElimina
  12. 22 aprile (oggi)
    Earth Day
    41 Festa della Terra
    Se vuoi celebralo, vai in www.cucinaamoremio.com prendi il logo ed esponilo.
    Grazie.
    Dann/www.cucinaamoremio.com

    RispondiElimina
  13. ciao carissima, passavo per farti i miei auguri di Buona Pasqua! Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Tanti auguri di Buona Pasqua e una paella favolosa , peccato il 4 giorno si torna

    RispondiElimina
  15. Che bella città Barcellona...e tutta la Spagna a dire il vero ...! La paella valenciana slurp..da tanto che la vorrei fare...! Che bel giro che avete fatto! Piacere di conoscerti! A presto

    RispondiElimina
  16. Ciao Acky e grazie della visita...vengo subito a conoscerti...son curiosa!!!
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  17. Ciao,

    Barcellona è stupenda, ci siamo stati 4 volte in 5 anni, ci sentiamo a casa. Ormai abbiamo individuato il nostro quartiere, il nostro albergo, i ristoranti, la Bouqueria, dove ogni volta faccio shopping alimentare. Penso proprio che ci torneremo ancora.

    Buon weekend
    Luisella

    RispondiElimina
  18. Ciao Luisella e piacere di conoscerti!
    Sono d'accordo con te, Barcellona è stupeda e tu sei molto fortunata ad aver avuto la possibilità di visitarla così spesso...un po' ti invidio sai???
    Ciao a presto e grazie della visita..

    RispondiElimina
  19. Santa Maria del Mar è uno dei più bei ricordi che ho, di Barcellona. Mi ci fermavo sempre prima o dopo le passeggiate per la città!
    ma non avevo foto!
    grazie, è bello rivederla qui.

    RispondiElimina
  20. ciao passate bene le feste?sono passata dal tuo blog per trovare qualche idea per Barcellona pensavamo d'andare in primavera ,hai qualche consiglio ?ciao e anche se in ritardo auguri Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, tanti auguri anche a te per un buon 2013! Come vedi ultimamente sono un tantino assente e non riesco ad aggiornare con continuità, come vorrei, il mio caro blog, e questo mi dispiace tanto. Ti lascio molto volentieri alcune mie impressioni sulla città: Barcellona è senza dubbio una città bellissima e ricca di cose da scoprire, noi ce la siamo goduti camminando tantissimo anche se le linee della metro e i bus non mancano e sono ben organizzati. Se vuoi essere un po'comoda a tutto io ti consiglierei di scegliere un hotel o un appartamento nei pressi della Ramblas o di Placa de Catalunya, diversamente visto che andrai in aprile potresti anche decidere di soggiornare in una struttura sul lungomare e godere ogni mattina di una vista spettacolare, saresti forse un po' più spostata dal centro, ma i mezzi pubblici non mancano. Visto che sicuramente andrai con tuo figlio non fatevi mancare una visita al parco Tibidabo, un antico parco divertimenti costruito più di 100 anni fa e in cui ancora oggi si respira, dicono, la magia dei giochi e delle attrazioni di altri tempi, noi per mancanza di tempo purtroppo non ci siamo stati, e mi è dispiaciuto un sacco. Bellissime da vedere e imperdibili sono tutte le fantasiose opere del genio di Gaudì, la Sagrada Familia, la Pedrera, Casa Batlò, Parc Guell....armatevi di pazienza perchè ci sono sempre file all'entrata, ma ne vale la pena. E poi girate senza meta lungo la Rambla,il tuo bambino rimarrà sorpresa dai tanti artisti di strada, nelle vie della città, sul lungomare e nella zona nuova e moderna del porto, nei numerosi parchi, e nelle tante piazze, ....ahhh se riuscite ad organizzarvi con gli orari non perdetevi lo spettacolo della Fontana Magica sulla collina del Montijuc! Ecco mi sembra di averti detto quasi tutto...poi il resto è giusto che tu lo scopra da sola...in fondo è questo un po' il bello di ogni viaggio!!! Ciao e buoni preparativi.....non esitare a contattarmi per qualsiasi altra cosa.
      A presto ....

      Elimina